Cerca

Neapolis sotterrata – visita con i bambini

napoli sotterrata

Oggi vi portiamo alla scoperta di un’altra Napoli sotterranea: Neapolis Sotterrata (da non confondere con la più famosa Napoli sotterranea). Manuel si è trasformato in un piccolo archeologo grazie ad una visita guidata dedicata ai bambini.

Se vi state chiedendo se ai bambini può interessare una visita ai siti archeologici,  la risposta è : dipende dalla visita!

Pensare di portare dei bambini a Pompei o in altri luoghi dove è necessaria una spiegazione da parte di una guida turistica senza scegliere una visita a misura di bambino, può rivelarsi estremamente controproducente. Perciò è sempre bene scegliere qualcuno che adatti quella visita ad un pubblico piccino, che sappia ascoltare le loro innumerevoli e curiosissime domande e che li coinvolga nel racconto di ciò che andrà a spiegare.

Il Laboratorio di Piccolo Archeologo a cui Manuel ha partecipato è stato quindi un pretesto per andare a scoprire questo luogo affascinante.

 

Neapolis sotterrata: il centro storico di Napoli

Siamo nel cuore del centro storico di Napoli, tra Via dei Tribunali e San Gregorio Armeno.

Questo groviglio di viuzze e vicoli pullula di storia, arte e tradizioni. E’ sufficiente passeggiare per ritrovarsi circondati da chiese, chiostri, antiche botteghe, università storiche e scavi archeologici.

Nella Napoli di “sopra” si sono succedute tantissime  epoche storiche(dalla Magna Grecia ai Bizantini, per proseguire con l’epoca sveva, angioina, aragonese e borbonica).

Nella Napoli di “sotto”, potrete fare un salto indietro nel tempi direttamente all’epoca greco-romana. E’ un po’ come prendere una macchina del tempo, tra ascensori geologici (come quello del Museo dell’Acqua) o scalinate che vi condurranno nelle viscere di Napoli.

Neapolis sotterrata: dove si trova

Per accedere a Neapolis sotterrata, si entra nel complesso  monumentale di San Lorenzo Maggiore trova a Piazza San Gaetano, tra Via dei Tribunali e San Gregorio Armeno. A differenza di altri percorsi sotterranei, questo non è assolutamente claustrofobico, gli spazi sono abbastanza ampi!

Il complesso di San Lorenzo Maggiore

All’interno del complesso ci sono:

  • la Basilica di San Lorenzo Maggiore, una delle più antiche di Napoli, ricostruita nel 1235 in stile gotico francese
  • La Sala Capitolare, con un portale gotico del 1340. La volta seicentesca è decorata con degli affreschi di Luigi Rodriguez, che fu incaricato di molti lavori artistici in svariati complessi ecclesiastici di Napoli.
  • La Sala Sisto V, la cui volta è anch’essa decorata da affreschi del 600 ad opera di Luigi Rodriguez. Conosciuta anche come Sala delle Virtù, perché sono dipinte a grandezza naturale cinque virtù
  • Museo dell’Opera, dove sono esposti reperti dall’epoca greco-romana fino al XVIII secolo

Neapolis sotterrata: l’antico macellum

Sotto questo grande complesso, 10 metri sottoterra, si nasconde un’area archeologica di grande importanza. Sono stati ritrovati proprio qui sotto i resti di un macellum,  antico mercato romano, databile alla seconda metà del I secolo d.C. Camminare tra queste mura è come fare una passeggiata tra i vicoli delle antiche botteghe della città di Napoli dell’epoca greco-romana. Sono ben 9 le botteghe ritrovate, piccole ma fornite di tutto l’essenziale per svolgere la propria attività commerciale.

napoli sotterrata

Rita, la nostra guida, ci porta tra quelle che dovevano essere le mura di un antico erarium, dove veniva custodito il tesoro della città, per poi passare davanti a un forno , una delle botteghe meglio conservate di tutti gli scavi e una tintoria dove venivano tinte le stoffe.

Rita ha raccontato aneddoti simpatici su come venivano lavati i panni all’epoca: si utilizzava (ahimè)la pipì, che conteneva ammoniaca e non vi dico la reazione dei bambini a questa notizia! Superate le botteghe, si arriva al criptoportico, un corridoio fatto di ambienti comunicanti con volte a botte e lucernari per permettere l’ingresso dell’aria e della luce solare.

Le botteghe di questa zona avevano dei banchi di pietra su cui venivano espositi prodotti alimentari di vario genere.

criptoportico
Criptoportico

Neapolis sotterrata: piccoli archeologi a lavoro

Al termine della visita, i bambini si sono trasformati in Piccoli Archeologi: ad ognuno è stata data una vaschetta con del materiale per realizzare un proprio scavo archeologico dalla selezione dei reperti alla loro catalogazione. Infine hanno ricevuto un attestato di partecipazione!

 

Visita al Complesso di San Lorenzo Maggiore

Risaliti in superficie, ci siamo dedicati alla visita del complesso, visitando tutti gli altri spazi (dalla Sala Capitolare alla Sala Sisto V). Al primo piano del complesso, abbiamo visitato il Museo dell’Opera dove sono esposti reperti dall’epoca greco-romana fino al XVIII secolo, mentre nel chiostro c’è una piccola stanza dedicata ad un presepe e all’esposizione di ben 180 gusci di noci che contengono rappresentazioni di Episodi della Bibbia.

Neapolis sotterrata – Info utili

Come arrivare a Neapolis Sotterrata

Dopo aver parcheggiato in prossimità del centro storico a Napoli, raggiungete a piedi Piazza San Gaetano 316 tra Via dei Tribunali e San Gregorio Armeno. Una volta qui, entrate nel Complesso di San Lorenzo Maggiore, proprio di fronte la piazza.

Orari di apertura

Tutti i giorni dalle 09:00 alle 17:30

Neapolis sotterrata, quanto costa il biglietto:

9€ intero – 6€ da 7 a 18 anni – gratis fino a 6 anni

I biglietti si acquistano esclusivamente alle biglietterie presso l’ingresso del Complesso Monumentale San Lorenzo oppure dal servizio di biglietteria online La neapolis sotterrata.it

Per il laboratorio, noi ci siamo affidati a Rita Tour Round Italian Art, che organizza spesso visite guidate a misura di bambino.

 

Leggi il nostro articolo su Il Museo dell’Acqua a Napoli: una visita con i bambini nelle viscere della terra

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This field is required.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*This field is required.