Visita alla Piscina Mirabilis di Bacoli

piscina mirabilis

 

Maestosa, misteriosa , una “cattedrale sotterranea”, alta 15 metri (come un palazzo di cinque piani): la Piscina Mirabilis è il più grandioso serbatoio o cisterna romana di acqua potabile mai conosciuto. Eppure, questo gioiello del parco Archeologico dei Campi Flegerei è tanto bella quanto poco conosciuto e visitato. Se organizzate una gita tra Bacoli e Miseno dovete prevedere una tappa a questo gioiello archeologico. O magari potete proprio organizzare una gita dedicata a Miseno, la Dragonara e la piscina Mirabilis. Sono tre mete imperdibili.

Perché vedere la Piscina Mirabilis con i bambini

Questa enorme cisterna romana si trova nel centro antico di Bacoli (a pochi minuti di auto dall’uscita della Tangenziale di Cuma), perciò è facile da raggiungere. Potete fare prima una tappa davanti al murales della Sibilla Cumana firmato da Jorit (alle spalle del Comune) e poi proseguire.

murales sibilla Cumana

Per i bambini sarà affascinante scendere sotto terra in questa cisterna dalle ampie volte, abituarsi lentamente al buio e muoversi come folletti tra le pareti umide, ricoperte di muschio, alla luce che filtra dall’alto.

L’ambiente è ampio e areato e non fa paura, nè si ha sensazione diessere in un posto chiuso. Anzi è molto suggestivo, sempre illuminato da una calda luce sottile.

Potete organizzare anche una caccia al tesoro: vince chi trova più dediche segnate con la matita sanguigna dai viaggiatori del Grand Tour sulle pareti della cisterna.

Piscina Mirabilis: che cosa è?

La Piscina Mirabilis  era una grande cisterna di acqua di epoca romana alimentata dall’acquedotto che, partendo dall’Irpinia, distribuiva in Campania le acque del fiume Serino.

piscina mirabilis

Fu costruita per volere dell’imperatore Augusto nel I secolo d.C.  e , secondo alcune teorie avrebbe avuto la funzione di rifornire la struttura portuale di Miseno, dove era allocata la potentissima flotta romana del Tirreno; secondo altri invece il porto si riforniva d’acqua dalla Cisterna della Dragonara e la Piscina Mirabile serviva per l’acqua nelle ville romane, anzi forse era al servizio esclusivo di una villa, a pochi metri di distanza, di proprietà un ricco signore romano dell’epoca. Tenete conto però che la cisterna è enorme: è lunga 70 metri, larga 25,5 e alta 15 metri.

Piscina Mirabilis: come organizzare la visita

L’ingresso è libero e gratuito, ma il sito non è sempre aperto, cioè non potete arrivare in qualsiasi momento. Però avete tre possibilità.

1) Se seguite la nostra agenda del weekend spesso pubblichiamo visite guidate alla Piscina Mirabilis per famiglie;

2) Oppure potete telefonare al numero 081/ 5235968 del Comune di Bacoli. Vi sarà indicato il numero di telefono del custode al quale chiamare per l’appuntamento. Potete anche provare a chiamare la custode direttamente, Immacolata Lucci 333.6853278 oppure 333.5730225 , 081 19936289 +39 081 5233797.

3) Mandare una mail con la prenotazione a  pa-fleg.comunicazione@beniculturali.it

Piscina Mirabilis: la visita

Questa è un’escursione adatta ai bambini, perché non richiede molto tempo, si può vedere in mezzora e i bambini (anche più piccoli) possono correre e anche giocare a sentire l’eco delle loro voci.

La cisterna aveva due ingressi a gradini, negli angoli nord ovest e sud est, il primo dei quali è oggi ripercorso da una rampa in ferro per l’accesso attuale.

piscina mirabilis

Appena si termina la scala e si arriva al centro della cisterna si ha la sensazione di entrare in una cattedrale romanica sotterranea, a pianta quadrangolare in parte scavata nel tufo, in parte edificata in opera reticolata, con una volte a botte  sorretta da 48 pilastri, che dividono lo spazio in cinque navate.

La cisterna ha una capacità di 12.600 m2 e sorge in altura sul promontorio, probabilmente per sfruttare la pendenza naturale nel sistema di canalizzazioni che irreggimentavano l’acqua.

Non a caso la Piscina Mirabilis fu meta molto amata nelle soste del Grand Tour, fu disegnata anche da Giuliano Sangallo per il suo interesse architettonico. E se guardate bene sulle pareti verdi per il muschio trovate delle firme a matita rossa…. Sono le firme dei viaggiatori passati di qui nel XVIII secolo. Tra i visitatori più famosi ci sono stati Goethe, Dumas e Mozart.

Come scrivevamo la visita è veloce e i bambini non si annoiano e può essere un’ottima scusa, per i bambini più grandicelli, per stimolare la curiosità sull’Impero romano, su come costruivano le ville, sul complesso sistema di acquedotti e cisterne.

Piscina Mirabilis, visita virtuale a 360 gradi

Se volete avere un’idea (ma senza la suggestione che si prova con la visita dal vivo) ecco il video della visita virtuale alla Piscia Mirabilia di Bacoli realizzato dal Parco Archoelogico dei Campi Flegrei.

E’ da brividi? Immaginate l’emozione dal vivo.

Come arrivare alla piscina Mirabilis

  • Indirizzo: Via Piscina Mirabile, 27, 80070 Bacoli NA
  • In auto: Tangenziale di Napoli – uscita Pozzuoli/Arco Felice direzione Bacoli.
  • Trasporti pubblici:  Da Napoli Montesanto Linea EAV Ferrovia Cumana (fermata Fusaro o Lucrino) + autobus EAV (fermata via Risorgimento-via Roma).  Da piazza Garibaldi: Linea metro L2, stazione Montesanto, cumana a Montesanto, fermata  (circa 25 minuti)
  • Alla Piscina Mirabilia si arriva a piedi, la macchina la potete lasciare nei parcheggi di via pennata o via Poggio.
  • Info: Parco Archeologico dei Campi Flegrei

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

X