Pasqua è famiglia e Casatiello di nonna Lucia.  Il termine Casatiello deriva da “caso” che in dialetto napoletano vuol dire formaggio e allude alla presenza (tanta presenza) di formaggio (in particolare il pecorino) all’interno. Diciamo che dopo Pasqua è meglio mettersi a dieta perchè una sola fetta di Casatiello napoletano di nonna Lucia si avvicina alle 600 calorie.

 

La festa del papà in Campania vuol dire zeppole di San Giuseppe rigorosamente fritte. Come si può festeggiare meglio se non preparando un dolce buonissimo e tipico della tradizione? Ecco la ricetta della nostra amata Nonna Lucia. La zeppola ha due anime: la zeppola al forno e la zeppola fritta. Ma Nonna Lucia non ha dubbi: la zeppola a Napoli è fritta.  Non si discute.

Torrone dei morti

Il dolce tipico a Napoli tra metà ottobre e metà novembre è il torrone dei Morti.  Lo trovi in bella mostra in tutte le pasticcerie, di vari colori e a mille gusti: torroncino, nutella, pistacchio, nocciole. Ma avete mai provato a farlo in casa con i bambini? Noi vi svegliamo la ricetta segreta del Torrone dei Morti di Nonna Lucia.

cravatte di cioccolata

Festa del papà. Avete pensato a un regalo? Inauguriamo con una Food Blogger napoletana Elena Amatucci, mamma di Gnam Gnam, la nostra nuova rubrica: in cucina con i bambini. Avremo sempre un ospite napoletano che ci insegnerà trucchi e segreti tra i fornelli. E partiamo da un evento super speciale. Ecco per la festa del papà: la ricetta delle cravatte di pasta sfoglia.

Una ricetta che stupirà i papà

X