Pastiera, la ricetta perfetta: prepariamola con i bambini

manina e mini pastiera

La Pasqua è vicina e nell’aria si sente il profumo di primavera, profumo di fiori di arancio. E a Napoli c’è un dolce che racchiude le emozioni di questo periodo: la pastiera. Un dolce profumato, morbido, ricco, che piace a grandi e piccini. Con l’aiuto di Maria Laura Pignata di Partenopeat Chef prepariamo la pastiera con la ricetta perfetta e con un piccolo trucco per coinvolgere i bambini: le pastierine con zuccherini e gocce di cioccolato.

La Pastiera: gli ingredienti

Per la ricetta perfetta della pastiera partiamo dagli ingredienti.

Gli ingredienti della frolla

  • 400 gr farina “00″
  • 200 gr zucchero a velo
  • 4 tuorli
  • 250 gr burro
  • 1 pizzico di cannella
  • scorza di un limone

Gli ingredienti per il grano

  • 400 gr grano precotto (io uso Chirico)
  • latte intero tanto da coprire il grano
  • 3 cucchiai di zucchero
  • scorza di un’arancia
  • 1 stecca di cannella oppure un mezzo cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 noce di burro o strutto

Gli ingredienti per la crema di ricotta

  • 400 gr ricotta romana
  • 300 gr zucchero
  • 4 uova intere
  • acqua di fiori d’arancio

Il procedimento per fare la Pastiera

Avete tutto? Disponete tutti gli ingredienti ben in vista sul tavolo e iniziate l’avventura per realizzare la vostra pastiera. La pasta frolla, per esempio, potete farla il giorno prima e conservarla in frigo, non come una palla, attenzione, meglio fare un panetto sottile.

Come fare la la pasta frolla

In una ciotola unire la farina, il burro freddo a cubetti e il pizzico di sale; lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sbricioloso; aggiungere lo zucchero e la cannella (facoltativa) e continuare a lavorare l’impasto con la punta delle dita fino ad ottenere un sablage.

ingredienti pasta frolla

Aggiungere i tuorli e la scorza di limone e continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto compatto ed omogeneo, formare un panetto rettangolare, avvolgerlo nella carta pellicola e tenerlo in frigorifero per almeno un paio d’ore.

Come preparare il grano

Scolare il grano e sciacquarlo con acqua corrente. Versarlo in un pentolino e coprire con il latte, non troppo mi raccomando.

Aggiungere la scorza dell’arancia, la cannella, lo strutto o il burro e lo zucchero.

Far cuocere fino ad ottenere un composto cremoso. Eliminare la buccia dell’arancia e volendo potete tagliarla a dadini. Far intiepidire e tenere da parte.

Io amo il grano lasciato intero, sono della scuola di pensiero della ricetta tradizionale, ma alcuni lo passano al passaverdure, io trovo che quella lieve croccantezza nel ripieno faccia la differenza

Come preparare la ricotta

In una grossa ciotola setacciare la ricotta con lo zucchero e montarla bene con una spatola per almeno 5 minuti.

Aggiungere le uova intere e mescolare bene (potete anche dividere tuorli e albumi e montare questi ultimi a neve e aggiungerli alla fine, dopo aver unito la crema con il grano alla ricotta). Aggiungete un cucchiaino di acqua di fiori d’arancio e tenete da parte.

La Pastiera, ultimo step: l’assemblaggio

Unire la crema di grano alla ricotta e uova, mescolare bene e tenere da parte oppure poggiate in frigo fino all’utilizzo.

Su un piano infarinato stendete la pasta frolla di uno spessore di 1/2 cm, rivestite un ruoto da pastiera in alluminio ed eliminate i bordi in eccesso.

pastiera
Aggiungete la crema di ricotta e grano, livellatela con una spatola e infine decorate con le strisce di pasta frolla avanzata.

Infornate a 170 gradi per circa 50 minuti.

Prima di servirla spolverizzate i bordi con zucchero a velo.

 

La Pastiera con i bambini

Per coinvolgere i bambini e insegnare loro i sapori della tradizione senza mettere a rischio la riuscita della vostra pastiera, potete usare un po’ di pasta frolla per fare delle mini pastiere.

mini pastiere

Piccoli trucchi:

  • nel ripieno togliete l’arancia e aggiungete le gocce di cioccolata;
  • decoratele con zuccherini colorati;
  • per coprire il ripieno invece di usare le striscioline di pasta frolla fate fare ai bambini delle formine pasquali, come il coniglio o l’uovo  (usate le formine dei biscotti);
  • come nella pastiera vera, non imburrate i “mini ruoti”, ma lasciate le pastierine nei loro contenitori, saranno adorabili.

 

La storia della Pastiera napoletana

“La pastiera, come spesso accade con altre ricette, è un dolce che ha una storia bellissima, in questo caso anche più di una: chi attribuisce il dolce alla sirena Partenope, chi alle suore del convento di San Gregorio Armeno – ci racconta Maria Laura – Non è semplicemente un dolce pasquale, è piuttosto il sunto della fusione dei profumi campani, tutto sposa alla perfezione, la friabilità della pasta frolla, la cremosità della ricotta, i chicchi di grano che scrocchiano tra i denti, tutto profumato con fiori d’arancio, cannella, e vaniglia.”

“A casa nostra e a casa della mia insegnate di cucina a quanto pare la pastiera è stata sempre realizzata con solo ricotta e grano non passato, senza crema gialla, ma ad esempio già a casa di  mia zia viene aggiunta anche la crema, dipende dal vostro gusto personale. Altra postilla, ultimamente evito di utilizzare i canditi, utilizzo la scorza dell’arancia che faccio cuocere con il grano tritata finemente”.

La Pastiera napoletana con Partenopeat

Trovate la ricetta della pastiera, descritta passo passo, sul sito di Maria Laura Pignata, Partenopeat. Qui vi abbiamo dato gli ingredienti e un’infarinatura, sperando di avervi fatto venire l’acquolina in bocca. Sul nostro sito trovate anche i biscottini al cioccolato da fare, sempre con gli avanzi di pasta frolla. E tra i dolci da fare con i bambini vi consigliamo la torta alle mele trentina.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*