Alla scoperta della Foresta di Roccarainola, a due passi da Napoli

foresta Roccarainola

Vieni con noi alla scoperta di un luogo fatato! La Campania è più notoriamente conosciuta per le sue bellezze marine  e per la sua costiera che è diventata famosa in tutto il mondo. Eppure la Campania è la regione del sud con la più elevata superficie forestale e con la percentuale più alta di parchi, riserve nazionali e regionali. Ma sapevi che in Campania esistono anche le foreste? Seguici alla scoperta della foresta di Roccarainola, a Nola.

Le foreste regionali in Campania: Roccarainola

Son ben 11 le foreste della Regione Campania, potete consultare l’elenco qui

Noi, che abitiamo in provincia di Napoli, ci siamo sempre spostati tra lrpinia e Sannio tra Oasi WWF, riserve, parchi regionali, alla ricerca di luoghi immersi nel verde.

Durante il primo lockdown,  mi ero messa alla ricerca di posti all’aperto poco conosciuti, dove poter fare delle passeggiate in natura non appena ne avessimo avuto la possibilità, che fossero però più vicini a casa nostra.

Scopro cosi che a pochi chilometri da casa  c’è la più grande foresta della Regione Campania, che però non è accessibile a causa del covid. Attendiamo pazientemente per un anno e finalmente scopriamo che possiamo accedere liberamente alla foresta  di Roccarainola anche durante il weekend.

 

bambino nella foresta regionale Roccarainola

 

La Foresta regionale di Roccarainola

Noi abbiamo deciso di visitarla una prima volta in autonomia,  in un afosissimo sabato mattina di luglio, dal quale cercavamo refrigerio viste le elevate temperature che si sono registrate nella nostra regione in questo periodo. E infatti qui abbiamo trovato una temperatura decisamente più fresca.

La Foresta regionale di Roccarainola si trova in provincia di Napoli, appunto nella cittadina di Roccarainola, vicino Nola e fa parte del Parco Regionale del Partenio che comprende 22 comuni, prevalentemente sparsi tra le province di Avellino e Benevento. Si tratta di un’area enorme che si estende per  900 ettari ed ha un’escursione altimetrica che va dai 300 m ai 973 m s.lm , per questo è la foresta più grande della Campania.

A pochi passi dalla città, ci si ritrova improvvisamente all’ingresso di quella che possiamo definire una foresta magica: una vera e propria porta verso un mondo incantato fatto di castagni selvatici, faggi, noccioli e tantissimi altri alberi e piante.

Questa è la sensazione che abbiamo provato noi appena arrivati davanti al cancello della frazione di Fossa Agnone, in Via Veccio, uno dei principali ingressi per accedere alla Foresta.

 

 

Durante questa prima visita alla foresta , ci siamo limitati ad esplorare in maniera autonoma la prima parte del sentiero botanico , ma abbiamo deciso di approfondire la conoscenza di questo luogo affidandoci a qualcuno che lo conosce molto bene e quindi siamo ritornati una seconda volta.

Visita guidata alla Foresta di Roccarainola

La nostra seconda visita alla foresta di Roccarainola è stata resa veramente speciale grazie al nostro accompagnatore Tommaso Palo, che ha fatto della sua passione per la natura e lo sport in natura un vero e proprio stile di vita.

Ho conosciuto Tommaso tramite il gruppo facebook  Nature Experience , mentre cercavo  info sulla Foresta di Roccarainola. Decido così di contattarlo per chiedergli alcune info pratiche e scopro che è un esperto di sport outdoor e nature survival (info su TommasoPaolo)  ma soprattutto è un grande conoscitore di questo luogo magico e, insieme, decidiamo di fare un trekking a misura di famiglia in foresta.

Tommaso ci ha accompagnato in quella che non definirei una semplice passeggiata o una classica escursione , ma una vera e propria Nature Experience.

Dall’ingresso principale di Fossa Agnone, abbiamo percorso il Sentiero Botanico, lungo circa 3 km fino al Vivaio Grande , di facile percorribilità (no passeggini), lungo il quale abbiamo potuto ammirare non solo la bellissima vegetazione che crea degli scenari veramente fiabeschi, soprattutto dove il sole quasi non riesce a penetrare, ma abbiamo anche imparato a guardare con occhi diversi ciò che incontravamo sul nostro cammino.

 

In questa foresta vivono tantissimi animali, che difficilmente incontrerete durante una passeggiata diurna: tassi, cinghiali, volpi e tantissime specie di uccelli, come la poiana e la ghiandaia.

Tuttavia, abbiamo imparato a riconoscerne le tracce lasciate dalle loro zampe sul terreno, abbiamo imparato che la ghiandaia ha delle bellissime piume azzurre , abbiamo imparato che gli animali più grossi , come per esempio i cinghiali, hanno creato dei veri e propri sentieri alternativi quando, a seguito della caduta di un albero, il loro percorso abituale è stato reso inaccessibile. Abbiamo imparato a riconoscere alcuni arbusti come l’agrifoglio e alcuni frutti di bosco.

Insomma, abbiamo imparato ad osservare la natura con occhi più attenti e abbiamo scoperto che quando si va in natura, se si presta attenzione, si possono scoprire cose meravigliose.

La nostra passeggiata prosegue verso il Vivaio Costa Grande, e poco prima di raggiungerlo, arriviamo al punto panoramico di Costa di Pietra, a quota 450 mt, dove ci lasciamo alle spalle il verde degli alberi per ammirare il Vesuvio da una prospettiva che non avevamo mai visto.

 

Poco dopo si arriva al Vivaio Costa Grande, uno dei 16 vivai regionali dove vengono coltivate piante e alberi per preservare il patrimonio boschivo regionale che purtroppo è soggetto ai danni provocati dall’uomo come gli incendi e il cambiamento climatico. Il Vivaio è aperto solo dal lunedì al venerdì , per cui non è stato possibile visitarlo in questa occasione.

 

Un picnic alla foresta regionale di Roccarainola

Al ritorno dal nostro trekking, abbiamo approfittato dell’area picnic, che si trova proprio vicino all’ingresso di Fossa Agnone. Tavoli e panche di legno completamente immersi nel verde e due altalene in legno vi permetteranno di trascorrere una piacevole giornata in natura.

Unica nota negativa è l’assenza di servizi igienici, che purtroppo è un problema abbastanza importante se si decide di trascorrere l’intera giornata in foresta.

 

Questa esperienza è stata una delle più coinvolgenti in assoluto per Manuel  che, pur essendo abituato a fare delle camminate in natura, questa volta è riuscito a percorrere ben 8 km , sempre attento  a ciò che poteva incontrare sul suo cammino con la curiosità che contraddistingue i bambini e la voglia di scoprire nuove cose.  Il sentiero botanico è il più semplice da fare per le famiglie con  bambini dai 5 anni che però siano abituati a camminare.

Tuttavia, per i meno avvezzi al family trekking è piacevole comunque sostare e passeggiare anche solo nell’area picnic, senza dover fare necessariamente tutto il sentiero fino al Vivaio Grande (3 km all’andata e 3 km al ritorno).

Far avvicinare i bambini alla natura, sia attraverso una semplice passeggiata , sia attraverso esperienze didattiche o laboratoriali, è fondamentale per la loro crescita. Solo attraverso queste esperienze, possiamo insegnare ai nostri figli il rispetto per la terra che ci ospita e possiamo sperare che, un domani , questi piccoli semi di amore per la natura germoglieranno in qualcosa di più grande, qualcosa che farà la differenza per il mondo troppo malconcio che gli stiamo lasciando.

Foresta di Roccarainola, info

Info Pratiche: utilissimo e interessantissimo da scaricare, il vademecum realizzato dal Comune di Roccarainola, dove troverete tante informazioni sulla foresta e sui vari sentieri.

 

QUANDO E COME ARRIVARE IN FORESTA (aggiornamento al 10/08/2021)

La foresta è aperta tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 14:20; nel periodo estivo (luglio – settembre) la foresta è aperta anche il sabato e la domenica dalle ore 8:00 alle 20:40.

Come arrivare alla Foresta regionale di Roccarainola

La foresta è raggiungibile

– Da Napoli o Avellino: prendere l’autostrada Napoli/Bari – Uscita casello di Nola (NA)

-Da Caserta: prendere l’autostrada Nola/Caserta – Uscita casello di Nola (NA). Prendere poi la SS7bis in direzione di Avellino, attraversare Nola e proseguire fino a Schiava (NA), all’altezza dell’hotel Maddaloni svoltare a sinistra e continuare fino a Roccarainola. Dal centro del paese seguire le indicazioni per il ristorante “Il Saracino” e successivamente quelle per la foresta.

-Da Benevento: prendere la strada nazionale che collega Benvenuto a Caserta Sud, uscire a Maddaloni e proseguire per S.Felice a Cancello fino a Roccarainola.

 

Noi, una volta arrivati a Roccarainola, abbiamo impostato Via Veccio su Google Maps; giunti a Via Veccio, abbiamo proseguito sempre dritto fino al cartello che indica la direzione per la Foresta e dopo qualche centinaio di metri siamo arrivati all’ingresso di Fossa Agnone.

 

Attenzione!!!

Non ci sono servizi di alcun genere: non troverete fontanelle, bar o chalet, né tantomeno (ahimè) i servizi igienici.

Fondamentale portarsi acqua, cibo e sacchetti per riportarsi indietro i propri rifiuti una volta finita la vostra passeggiata o il vostro picnic.

Consiglio vivamente le scarpe chiuse , anche se non da trekking almeno con la suola scolpita e dei pantaloni lunghi (non fate come me che ho messo i pantaloncini corti a Manuel e ha passato tutto il tempo a grattarsi le gambe perché l’erba e alcune piante un po’ spinose lo pungevano! Anche questo fa esperienza in natura!). Binocolo e lente di ingrandimento per i bambini possono rendere l’esperienza ancora più divertente.

Infine, consiglio sempre di informarsi preventivamente sull’apertura dei cancelli, contattando il Settore Tecnico Amministrativo Provinciale delle Foreste di Napoli nella persona del Sig. Granato al seguente recapito telefonico 0817967611 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 16.00 o inviare comunicazioni all’indirizzo e-mail: stapfna@regione.campania.it . In alternativa, consultare anche il sito del Comune di Roccarainola.

Nel gruppo FB Nature Experience, invece, potrete essere informati di eventuali attività con famiglie e bambini.

 

Buona passeggiata in Foresta!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*