Conca della Campania, gita con i bambini alla cascata dei Lieti

famiglia con due bimbi mamma e papà e sulloo sfondo cascate lieti

 

Era da un po’ di tempo che volevo andare a visitare Conca della Campania e la cascata dei Lieti. Il paesino ha circa 1000 abitanti ed è  in provincia di Caserta, situato sul versante nordorientale del vulcano spento di Roccamonfina. Ne ero affascinata e ora che ci siamo stati posso dire che è stata proprio una bellissima scoperta.

Una gita con i bambini alla cascata dei Lieti

Siamo andati a Conca dell Campania una domenica e abbiamo trascorso l’interna giornata: abbiamo iniziato la nostra gita fuori porta con la visita della Cascata dei Lieti, dove la natura diventa magia, un piccolo angolo di natura incontaminata molto caratteristico e sconosciuto ai più. Si arriva scendendo dalla frazione di Cave, seguendo il cartello “fontana di Lieti”.

Abbiamo parcheggiato la macchina in un piccolo spiazzale e dopo neanche 10 minuti di cammino, abbiamo sentito il rumore dell’acqua ed intravisto questa piccola Madonnina che sembra che sia li per vigilare una sorgente riscoperta da poco, ma già nota per le sue qualità terapeutiche.

È stato molto suggestivo!!!!

famiglia

Francesco subito si è arrampicato su uno scoglio per farsi scattare una foto, mentre Jacopo si divertiva a guardare i numerosi girini presenti in acqua.

Abbiamo attraversato il piccolo ponticello e ci siamo seduti ad ammirare la ricca vegetazione che ci circondava, facendoci ovviamente un bel selfie.

Una passeggiata a Conca della Campania con i bambini

Ci siamo rimessi in macchina per andare a Conca della Campania per vedere un’altra bellissima cascata.

Dopo pochi km eccoci arrivati nel centro di Conca della Campania, un gioiello che rappresenta una delle moltissime sorprese custodite da quest’area protetta, interamente in provincia di Caserta. Una volta arrivati al centro storico abbiamo proseguiamo a piedi lungo una discesa fiancheggiata da una chiesa. Si tratta della chiesa di S. Pietro Apostolo costruita nel 1308.

Di fronte la Chiesa ecco che compare la Casa del mugnaio, diventata ormai simbolo di questo paesino, si tratta di un’abitazione abbracciata dall’edera. Appena varchiamo il suo arco ci sentiamo catapultati in un mondo incantato.

Una sensazione di frescura ci accarezza la pelle e da lontano si avverte il fruscio d’acqua, ed infatti subito dopo c’è il Rivo di Conca.

Ci troviamo davanti un paesaggio da incorniciare, lo attraversiamo passando su di un ponte in pietra per poi inoltrarci, a sinistra, in un percorso molto suggestivo.

La passeggiata lungo il sentiero dei mulini a Conca della Campania

Ecco che inizia il Sentiero Dei Mulini, una passeggiata che ha soddisfatto la nostra voglia d’avventura e dopo alcuni tornanti, ci imbattiamo nei resti di due vecchi mulini.

Continuando a scendere, in un ambiente fatto di vegetazione lussureggiante, felci, muschi e fiori di vario genere, ad un tratto si ammira sulla propria sinistra la cascata, ancora semi-nascosta dalla vegetazione.

Abbiamo l’impressione di trovarci in una giungla, rimaniamo a bocca aperta dalla meraviglia, un vero e proprio angolo fatato.

 

Come arrivare a Conca della Campania

Come arrivare? L’escursione inizia dal centro del paese, facilmente raggiungibile dall’A1 Milano-Napoli; precisamente, l’uscita è San Vittore per chi viene da nord, proseguendo poi per la S. S. 6 Casilina e poi per la S. P. 14 fino all’arrivo a Conca; per chi viene da sud, invece, l’uscita è Caianello, prendendo poi sempre la Casilina (ora in direzione nord) e proseguendo in direzione Tora e Piccilli e, successivamente, per Conca.

L’ingresso alle due cascate è gratuito.

Nella zona della Cascata di Conca della Campania (o Cascata dei Mulini) c’è anche una piccola area picnic.

 

Con questa meravigliosa gita inizia la nuova rubrica di Gite di in giro per la Campania con i bambini a cura di Ileana e la sua famiglia. Seguiteli anche su Facebook, perché organizzano gite bellissime.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

X