Attività per bambini: una vasca-barca e il salotto diventa il mar Mediterraneo

bambini giocano nella vasca da bagno in salotto

 

Fuori piove. Eduardo è in una fase esplorativa che a confronto Indiana Jones è Pupo. La sorella lo segue ma non è agile come lui e finiamo sempre in pianti disperati. 

Oggi la giornata non finisce più. Saranno anche i dentini che stanno uscendo ma oggi Eduardo e Beatrice sono nervosissimi. Abbiamo fatto le costruzioni, abbiamo ballato, sfogliato un paio di libri, giocato con la palla ma nulla… oggi sono scatenati. E allora ci è venuta l’idea: perchè non partiamo? Abbiamo trasformato la vasca in una barca e il salotto nel mar Mediterraneo.

Può essere una proposta facile per tenere impegnati i bambini di un anno, come i miei gemelli. Un’attività creativa e legata al tema del viaggio.

Una vasca per navigare il salone

Ho preso la vasca da bagno che usavano quando erano più piccoli, quella utilizzata sotto il fasciatoio ma credo che qualsiasi vasca vada bene basta che il bambino sia seduto con le gambe distese. Ho preso Eduardo e Beatrice e li ho messi dentro con le “provviste” per il nostro viaggio: palline gommose, anelli colorati di plastica morbida, cubotti di gomma. Abbiamo iniziato a navigare.

Su e giù per il mar Mediterraneo:

Li agitavo verso destra e sinistra cercando di non prendere le onde più grandi. Loro ridevano moltissimo (sopratutto quando li agitavo più forte per le onde grandi).  Siamo stati a Capri a vedere i Faraglioni, in Sicilia a prendere una cassata e poi in Sardegna per un tuffo nel mare cristallino. Alla fine sono rimasti mezz’ora a giocare tra loro con le “provviste” della nostra “vasca-barca”.

Finalmente sono le sette.
Siamo a pezzi (noi) ma loro sono super felici (anzi fin troppo!)
Si cenaaa!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*